Alla scoperta della Sessualità Sacra con Claudia Poppi


Per questi miei 10 anni di bloggerismo, se così lo si può chiamare, il mondo dell’etere ha deciso di premiarmi facendomi incontrare Claudia Poppi che cercava una blogger che parlasse di sessualità per invitarla al corso introduttivo per il suo Per-Corso sulla sessualità sacra.

Quindi, io vado al corso gratis in cambio di una mia recensione. Credo che non esista una forma di #cambiomerce più fica di questo. Un servizio per un altro servizio che porta tutti ad arricchirsi, ma soprattutto chi legge!
Aspettatevi foto, un pieno di instagram stories e ovviamente un raccontino post corso.

Potevo io tirarmi indietro?

Certo che no!
Gli argomenti trattati dal Per-Corso di Claudia non fanno ancora parte del mio bagaglio personale/culturale. Io sono più per la meccanica, per come le cose funzionano da un lato fisiologico.

Al momento ho iniziato a esplorare il tutto con il corso sulla Mindfulness e devo dire che mi si è aperto un mondo. E quando mi si è palesata questa possibilità l’ho visto un po’ come il segno del destino, del tipo “datti na mossa e inizia a integrare le tue conoscenze, sia per te stessa che per le donne che segui”.

Questo primo corso di 3 giorni serve per anticipare quello che è un percorso molto più lungo e complesso (tipo 564 ore!!) che viene anche chiamato “Sessualità Sacra – Master per Counselor e non solo“. Chi poi volesse ampliare e diventare un Counselor nelle Relazioni Affettive dovrà solo integrare con l’esame finale. Qua maggiori informazioni su tutto il percorso.

Quello dove andrò io è ConTatto e Sessualità:

Quando: 21 sera, 22 e 23 Luglio 2017
Orari: Venerdì dalle ore 19,00 alle ore 17,00 Domenica. Con pause pasti e spuntini. Possibilità di pernottare dalla sera prima.
Investimento: 155 € entro il 9 Giugno + soggiorno (90 € completo di tutti i pernottamenti, colazione, degustazioni e spuntini durante le giornate). Dopo 180 € + soggiorno (90 € completo di pernottamento, colazione, degustazioni e spuntini durante le giornate). Sconto 10 % sul corso per chi partecipa in coppia.
Sede: Fattoria “Cà d’Pignat ” Olistica e Didattica Bed and Breakfast – Lama Mocogno (MO)
A tutti i partecipanti cestino di piccoli segreti per sviluppare insieme l’esperienza del valore commerciale di 25 €

 ConTatto e Sessualità 

Oltre a avere la possibilità di un corso che si annuncia molto interessante, mi godrò il soggiorno nella fattoria Olistica “Cà d’Pignat” immersa nel verde di colline e boschi e quasi a farlo a posta pure una alimentazione vegetariana. E spero che siano anche contemplati pure alimenti senza latticini che altrimenti il mio intestino se la prende perchè io li mangio comunque…ahahah!

Dal momento che non ho proprio bene idea di cosa si parli, e a dirla tutta non volevo fare troppe ricerche per arrivare senza idee, senza aspettative, ho deciso di fare una intervista a Claudia per farci raccontare meglio chi è lei e qualche cosa in più sul suo corso.

Claudia, ti va di raccontarci un po’ di te?

Timida e coraggiosa allo stesso tempo, solitaria ed estroversa. Tengo insieme tutto ciò con un buona dose di curiosità e di follia

Che cosa ti ha spinta ad approcciarti al tema della sessualità?

Possiamo dire la vita?
Nessuna spinta particolare quanto piuttosto i feedback delle persone che si rivolgono a me in qualità di counselor delle relazioni. Nel tempo noto sempre più come i bisogni delle persone siano di essere supportati nelle esperienze di relazione. A scuola ci hanno riempito di informazioni, arricchito di conoscenze e nutrito il nostro bisogno di stare in compagnia. Il tema però della comunicazione , della relazione, dei sentimenti e delle emozioni è però spesso andato in cavalleria. Generando smarrimenti e disagi.
Le persone hanno sempre più bisogno di trovare la propria essenza iniziando dall’esperienza più umana: il buon ConTatto.
Da piccoli poteva essere la ricerca dell’abbraccio della mamma o del papà. Da adulti ciò lo cerchiamo in un partner quindi l’affettività si mescola con la sessualità generando a volte confusione a volte resistenze. Da tutto ciò nasce l’esperienza che proponiamo per agevolare una intimità di connessione con sé stessi e con l’Altro/a. Recuperando una Sacralità dell’incontro e della relazione affettiva. Un rispetto di genere che possa portare solo cose buone alle persone

Nel programma del corso parli di “condizionamenti” legati alla sessualità. Ma in cosa consistono e da dove derivano secondo te?

argomento complesso questo.

uhm… ok, mi sa che servirà un approfondimento complesso. Puoi comunque raccontarci in che modo lavori sulla liberazione dai condizionamenti?

I livelli sono molteplici e sono a livello corporeo, il nostro corpo esprime con postura e gestualità il livello di condizionamento ricevuto rispetto al piacere di essere nel corpo e questo poi ricade anche nell’ambito della relazione con l’Altro/a. Il livello di pensiero con cui nutriamo la nostra giornata. Quante volte di denigriamo anche con la “banale ” frase: che stupido/a che sono.
Questo è un condizionamento…
quante volte da bambini siamo stati apostrofati con frasi del genere?
Molte.
Provate a immaginare quante frasi ci siamo sentiti dire a proposito del nostro corpo e di come una bambina può o non può stare seduta. Rielaborare queste frasi a livello cognitivo ed affiancare un lavoro emozionale , gentile e rispettoso della persona, diventa il percorso per riappropriarci di una libera espressione di noi nelle relazioni ove il corpo è strumento di bellezza e di piacere e non più solo oggetto di giudizio e vergogna.

Quali benefici immediati potremmo trarre?

Immediato direi che c’è il giusto nel senso che spesso , attraverso il percorso, si assaggia un senso di leggerezza rispetto a quanto vissuto nel passato. Giorno dopo giorno, si perchè propongo esperienze durante il perCorso che invito i partecipanti a ripetere a casa e ad osservarsi. Qui inizia il vero cambiamento.
Si inizia a vedere i fatti, qui sopra descritte cose semplici ma potete immaginare quanto altro c’è sotto, con altre percezioni e sopratutto si inizia a vedere e sentire il proprio corpo abitato da se stessi e dal proprio se, non più come un oggetto in balia delle idee e interpretazioni di altri.

Perché dovremmo partecipare al tuo corso?

Perchè il tempo procede, il corpo ci accompagna paziente ma dato che il corpo somatizza l’invito è ad alleggerire il corpo affinché possa vivere la vita con il maggior piacere possibile…e questo mi sembra che possa essere un buon motivo. Alleggerii delle zavorre per vivere con piacere: corpo, mente e anima

ps: ho scelto come immagine di copertina Gli amanti di Magritte non tanto per il suo significato originale (anche se ancora dubbio) quanto per il senso che trasmette. I volti che si baciano coperti danno quella idea di tabù/blocchi che ci accompagnano in merito alla sessualità 

Rispondi