Coppetta sospesa


Avete presente il “caffè sospeso”? quel caffè che lasci pagato per chi non se lo può permettere?

Era una usanza napoletana che ha perso un po’ della sua presenza, ma ancora da qualche parte la tradizione viene mantenuta. C’è addirittura la voce su Wikipedia, e allora vuol dire che è una cosa importante, insomma, mica tutti ci finiscono là sopra.

Comunque, la mia idea della “Coppetta Sospesa” è nata da alcuni post su un gruppo su fb dedicato alla coppetta mestruale dove alcune donne chiedevano cosa potevano fare con le coppette che non usano.

Capita che si compri una coppetta e non si sappia bene se sia quella giusta, ormai ci sono così tante marche che è difficile se non si fa una ricerca attenta. Oppure semplicemente si sbaglia taglia o si scopre che se ne vuole una coi glitter appena uscita.

Quindi restano queste coppette orfane. Alcune le rimettono in vendita e altre le vorrebbero regalare a donne bisognose per cui magari anche 15 euro fanno la differenza come spesa o anche come idea. E’ vero che 15 € si spendono in pochi mesi con il consumo degli assorbenti, ma se non c’è quel “che” che viene da dentro, fare una spesa di una coppetta può mettere in crisi.

Anni fa, quando mi ero innamorata di Atauro, l’isolina a Timor Est, mi ero fatta il sogno utopico di tornarci carica di coppette mestruali e avevo iniziato a raccoglierle. Alla fine ho capito che non ci sarei andata e ho regalato alle donne e alle ostetriche le coppette in eccedenza. Alcune donne che incrocio lungo la via, nel mio lavoro, durante eventi gratuiti o in associazioni, quando parlo di coppette e delle potenzialità gli si illuminano gli occhi. Parlo con loro e vedo se per caso ne posso avere alcune che possano fare al caso loro, quindi le cedo.

Per quanto riguarda le ostetriche, mi occupo anche di formazione sul fronte coppette/ecomestruazioni, e mi piace che in Italia ci siano sempre più coppettoteche fornite affinchè le donne possano andarle a toccare con mano e scegliere quella più adatta a loro. Come capita durante i miei incontri.

Ecco perchè l’idea della “coppetta sospesa”. La accolgo come se fosse un affidamento temporario fino a che non trovo una nuova proprietaria che in un uso o in un altro, le darà nuova vita.
NON venderò le coppette, ma saranno adottate gratuitamente da nuove donne!

Per chi vuole approfondire, ecco i miei articoli sulle coppette mestruali!

Chi volesse inviare la/le sue coppette può contattarmi seguendo il form

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Rispondi