Non puoi avere Mr. Grey…ma le sue palle si!


Ieri sera non avevo sonno e mi son detta “perchè non guardare l’ultimo film del Masterone Ammericano che va tanto di moda?
In gergo BDSM si usa la parola “masterone” per indicare un uomo che si da arie di essere l’unico vero Master, quello che conosce il vero BDSM.

Un Master è un ruolo, che si gioca quando c’è la controparte, ovvero un sottomesso. Senza sottomesso non c’è Master, in quel caso la persona dovrebbe definirsi “dominante” o di “indole dominante”.
→ messaggino sublinguale: Se leggete fino in fondo trovate sia un bellerrimo video che un regalino per chi si scrive alla newsletter e vuole scoprire di più sul BDSM.

Torniamo a noi, 3 anni fa mi ero letta tutti e tre i libri di Mr. Grey. Mentalmente volevo evadere dalla mia routine di coppia che si apprestava a muorire inesorabilmente, e anche perchè le mie pazienti continuavano a farmi domande.

Domande soprattutto su queste benedette palle che citano nel primo libro e che promettono immensi piaceri.

Lessi i libri, in quanto a BDSM lascia a desiderare, in quanto a scene hot anche, se si va a ragionare più lucidamente, cioè ma quando mai uno ti guarda intensamente e tu orgasmi?
Il loro obiettivo è semplicemente far sognare. Vanno benissimo per le fantasie ma non come manuale per pratiche sessuali.
Li hanno definiti “mommy porn“, dedicati alle casalingue che leggono Harmony, e questo è leggermente un po’ più spinto. Ne avevo già parlato in questo articolo di cosa pensavo di queste saghe che si assomigliano tutte.

Ma ste palle… Ecco, di queste voglio parlare. Qualche mese fa me le sono finalmente comprate (si perchè non sono riuscita a trovare la cavolo di azienda che le produce per chiedergliele) perchè mi mancavano quelle metalliche e perchè il marchio 50 Shades Of Grey con la storia dei libri tira parecchio.
Non potevano quindi mancare alla mia collezione di oltre 3 kg di palline!

Ma come sono le palline vaginali di Mr. Grey?

Bella confezione, scatoletta sciccosa e sacchettino anche. Le prendo in mano…Argh.

Pesano e molto.
225 gr circa, quindi sui 110 gr a pallina.
Sono piene e non hanno al loro interno una pallina oscillante.
La maggior parte delle palline di metallo per usi ludici è fatta in questo modo.

Tocco di classe il laccetto di silicone nero che le tiene insieme, con tanto di gancio per l’estrazione tipo misura di sicurezza o lattina di pelati. Che una volta indossati gli slip non è che sia proprio così comodo.

A che servono?

Queste servono a poco, giusto a dilettarsi a usarle come un dildo con il proprio partner, quindi da inserire e da togliere, non da portare in giro fuori a passeggio, manco per una cena hot.

Dimenticatevi gli effetti che narrano nel libro, ovvero di indossarle e venire stimolate dalla loro sola presenza e che a un certo punto dobbiate dire “basta! ora voglio un orgasmo“.
Quello che vi potrà venire da dire sarà “Basta, non vi reggo più!
Ci sono donne che riescono contraendo i muscoli del perineo a raggiungere orgasmi, ma sono poche, pochissime. La vagina ha un suo modo di provare piacere (vi ricordo che qua trovate com’è fatta, dove e come sente piacere) e una presenza statica raramente fa provare piacere, anche se si aggiungono delle sculacciate.

Ah, per scaldarle serve più che una passatina in bocca come mostrano nel film (50 sfumature di nero) o come descrivono nel primo libro. E’ metallo massiccio e ha bisogno di un bel po’ più di tempo, anche più di 20 minuti in loco. Se vi piace l’effetto freddo le potete usare così come sono, altrimenti suggerisco un bagno maria in acqua caldo-tiepida per stemperare.

NON seguite le indicazioni scritte nel foglietto che le accompagna: 1 ora indossando queste palline non è proprio la cosa più salutare!
→ dubito che facciano aumentare la lubrificazione vaginale se si mettono un ora prima…

Perchè non si possono usare per altro?

  1. Non raccomando l’uso in uscita (cena hot) perchè hanno un peso che mette KO il perineo, sono 225 gr che vanno a gravare e ad affaticare i muscoli, che se poi sono messi malino ecco che potrebbero peggiorare le cose. Se volete effetti speciali durante una cena fuori ci sono ovetti vibranti (che meh…) e le C vibranti (qua un approfondimento).
  2. Si ‘perdono’ facilmente. Se una vagina è leggermente corta entrambe le palline non entrano e una tenderà a uscire, anche se avete dei muscoli de fero, perchè lo spazio è quello che è e perchè pesano, tanto. Se una vagina è ipotonica e con un po’ di beanza vaginale, le perderà appena si mette in piedi, perchè pesano e sono scivolose, e pesando molto non è facile trattenerle se si hanno muscoli deboli
  3. NON VANNO USATE PER GLI ESERCIZI DI KEGEL! Questo l’ho messo proprio in maiuscolo e in grassetto.
    Se la donna sta sdraiata e attiva i propri muscoli del perineo con le classiche sequenza contrai per 5 secondi/rilassa per 10 secondi, quei muscoli devono lavorare su 225 gr. Gli studi scientifici fatti sui coni vaginali (che sono dispositivi medici) arrivano a un massimo di 70 gr.
    Se si usano in piedi e c’è un ipotono dei muscoli, manco il tempo di contare fino a 5 che rischiano di schiantarsi per terra se non state indossando gli slip, e attenzione alle mattonelle, perchè pesano!
    Se una riesce a tenerle c’è sempre da fare attenzione. I muscoli del pavimento pelvico sono tanto quanto quegli altri. Quando andiamo in palestra non tiriamo su 50 kg, ma iniziamo gradualmente. Gli studi di cui parlavo sopra parlano di un insieme di pesi (da 3 a 5) che vanno dai 20 gr ai 70 gr. Quindi ipotiziamo che 20 gr siano i 2 kg per i bicipiti e i 70 gr il massimo che potreste arrivare a tirare su per avere un tono muscolare buono ma senza dover andare a gonfiare i muscoli.
    Ecco che i 225 gr risultano veramente troppi, sia da portare in giro che da usare come allenamento.
    Se volete allenare il vostro perineo, usate i coni vaginali!

Purtroppo il loro uso non ci trasforma in Ana Steel, che magari ha una vagina e un perineo di acciaio! Battutaccia riferita al suo cognome…
E si strusciano, a mo di lampada di Aladino o in altri modi più fantasiosi, non fa nemmeno comparire Mr. Grey

Vuoi restare aggiornat* su questi ed altri argomenti?

Iscriviti alla Newsletter, in regalo per qualche settimana ci sarà un piccolo manualetto sul BDSM (per capire meglio di cosa si parla) scritto da Ayzad!

Rispondi