ASMR: orgasmo di testa


E’ una cosa che provo fin da quando ho memoria.
Andavo dal parrucchiere e sapendo che poteva essere una goduria, e invece mi incavolavo come una iena perché non potevo sedermi sulla poltrona, quindi quella sensazione piacevole non la sentivo più di tanto, in quel tempo.
Crescendo ho imparato a comprendere cosa mi portava quelle sensazioni piacevoli, quella scarica di piacere che parte da appena sopra il collo, si irradia lungo la testa facendo quasi rizzare i capelli, e poi va a scendere lungo la colonna, pelle d’oca che segue di pari passo questa specie di scia di impulsi elettrici, come se fosse una droga magica.

Studiando da grande gli ormoni gli ho dato il nome di endorfine, e mi tornava con il discorso.
Una persona si prende cura di me in una qualsiasi maniera, che sia toccandomi in vari modi: parrucchiere, truccatrice, quella che mi fa la ceretta, se mi devono togliere una spina, un commesso che si occupa alacremente di un mio ordine, una persona che legge una cosa che ho scritto io e ce l’ho davanti ai miei occhi, un qualcosa di bello scritto su di me, e così via che i modi per focalizzare l’attenzione su un’altra persona sono infiniti.
Mi ero definita come molto brava a produrre endorfine. E sapendo cosa faceva scattare questo e cosa mantiene questa sensazione in me, mi basta poco per mantenerla attiva, stimolata. E quando sono da sola a casa quello che funziona meglio è guardare le statistiche del mio blog e in particolare le parole che le persone hanno usato per trovarmi. Si, lo so… non ridete! Il cervello sa essere molto strano a volte.
Solo pochi mesi fa ho scoperto che questa cosa che sento non è poi così rara e ha un nome. Viene chiamato ASMR, “Autonomous sensory meridian response“, in italiano risposta autonoma del meridiano sensoriale. Il nome è stato coniato solo 6 anni fa, quando Jennifer Allen mise insieme le varie testimonianze, sempre più persone evidenziavano queste sensazioni specifiche e particolari.
Leggendo qua e là di questo fenomeno emerge che non lo sentono tutti, che per molti bastano dei sussurri o dei rumori leggeri, come la grafite di un lapis che scorre sulla carta. Su questa onda sono nati molti canali su youtube che hanno pubblicato compilations di musiche particolari, di ninna nanne per cervelli, o dei role play con finte oculiste che guardano in camera e dialogano all’obiettivo per far sentire la persona come a una vera consulenza oculistica.
Hanno visto che gli stimoli, i triggers possono includere anche l’osservazione di lavori, il parlare a bassa voce (soft-speaking), il gioco di ruolo e la musica, le attenzioni altruistiche. Queste ultime richiamano il grooming, ovvero le mutue attenzioni che hanno i primati, tipo quando si spidocchiano a vicenda che è stato notato non serve solo per essere più puliti ma per creare legami sociali.

Tom Stafford:
« È molto probabile che sia reale, ma attualmente è molto difficile la ricerca. L’esperienza interiore è al centro di una moltitudine di ricerche psicologiche, ma quando ti trovi di fronte a qualcosa del genere che non puoi né vedere né sentire e che non capita a tutti, si finisce in una zona d’ombra. È come la sinestesia – per anni fu solo un mito, ma poi negli anni novanta si trovò un metodo adeguato per misurarla. »

Mancando le prove scientifiche, servirebbero degli studi incrociati tra chi lo prova e chi non lo prova, l’ASMR non viene visto come un reale fenomeno fisiolofico, così come tutti i benefici che le persone che lo provano ne traggono.
Personalmente posso dire che esiste e che come taluni dicono, oltre ad essere coinvolte dopamina e serotonina, è inclusa anche l’ossitocina perché in base a quanto può essere rilassato il mio corpo arrivano delle stimolazioni piacevoli anche a livello dei miei genitali, ed essendo essi femminili rispondono benissimo all’ossitocina.
Mi domando se ci possa essere u nqualche collegamento con i chakra.

Ricapitolando

  • non tutti lo provano
  • non scatta con gli stessi stimoli per tutti (qualcuno che si prende cura di te, un suono particolare, luci soffuse, tocchi delicati, ecc)
  • si sente una onda piacevole che parte dalla nuca verso il resto della testa, e poi giù lungo la colonna vertebrale
  • ci possono essere pelle di gallina
  • brividi
  • scossettine varie
  • e perfino arrivare ai genitali.
    E voi avete mai sperimentato qualcosa del genere?

2 thoughts on “ASMR: orgasmo di testa”

  1. Forte! Non lo sapevo, a me succede. Pensavo capitasse a tutti. Ora devo cercare i video, perché in effetti pensando che sia una cosa molto comune non è che abbia mai cercato attivamente situazioni simili (ok, magari il parrucchiere), sono per lo più casuali.

    1. a quanto pare non siamo tutti così fortunati e nemmeno tanto importante da dedicare a questo fenomeno degli studi più specifici

Rispondi