Borsa per fare la spesa: 2 puntata


Dopo la prima puntata ecco la seconda!

Per cucire il corpo della borsa piego a metà il rettangolo di stoffa, allineo i lati che devo cucire e inizio.
Questo tipo di borsa senza fodera avrà le cuciture a vista.
La forma più veloce per cucire è mettere diritto contro diritto e sul rovescio fare una cucitura dritta e rifinendo poi i margini liberi con lo zig zag per impedire al tessuto di sfilacciarsi tutto.
Altrimenti si può ovviare con una cucitura inglese che ingloba i margini liberi. Si posson ottenere due effetti diversi uno dove la borsa esternamente presenta un aspetto normale e un altro dove il bordino che nasconde i margini sdruciti è verso l’esterno usato come decorazione.
Per il primo effetto dopo aver allineato i margini da cucire,sovrappongo la stoffa rovescio su rovescio, eseguo una cucitura sul diritto a circa 5 mm dal bordo. Una volta che ho cucito i due lati, con le forbici o una taglierina accorcio il margine libero fino a circa 3 mm come nella figura “A”. Dopo di che rigiro la borsa (che ora dovrebbe ritrovarsi sul rovescio) e stirare la cucitura piegata facendo bene attenzione a che l’angolo di piegatura coincida con la cucitura come nella figura “B”. Imbastisco, fisso con spilli o se la stiratura regge bene la piega lascio così e cucio a circa 5 mm dal margine. Avendo tagliato prima il margine a 3 mm questo ora dovrebbe trovarsi racchiuso dalla seconda cucitura come illustra la figura “C”.


Il bordino che si forma in questa maniera resta all’interno della borsa. Se vi piace potete fare tutti i passaggi all’incontrario e lasciare il bordino magari facendo la seconda cucitura con un colore contrastante in maniera da decorare la borsa. Stessa cosa potrebbe esser fatta per i manici, ovvero cucire con un colore diverso e poi riprenderlo per le cuciture inglesi.
La forma della borsa può restare semplice come viene con le semplici cuciture laterali o esser modificata attraverso alcuni accorgimenti.

Una borsa per far la spesa di solito ha una base leggermente più piccola rispetto alla sua apertura, questo è dato da pieghe che ci sono alla base. Quella che vi mostro è una piega semplificata di quella delle buste di plastica ma che porta lo stesso effetto.

Un’altra forma che può avere la borsa con una semplice mossa è quella di un parallelepipedo, forma di scatola per intenderci, creando una base rettangolare che vien fuori con la piega tetrapak. Non so se questa tecnica abbia un altro nome ma “tetrapak” mi sembrava carino per ideare la forma che si deve ottenere. Per creare la base prendo uno degli angoli e lo piego in maniera che venga fuori come quello del cartone del latte e faccio coincidere la cucitura laterale con la linea mediana (o cucitura della base se il corpo era formato da due pezzi separati) della base. Questa operazione può esser fatta sia dall’interno, e quindi fuori si vedrà solo l’angolo che si è formato, o esternamente e si vedrà il triangolino a decorare la base del lato della borsa.

Se lo faccio internamente, per fissarlo cucio la base di questo triangolino che si è formato. L’altezza dove fare la cucitura la scelgo in base a quanto voglio larga la base, tale misura corrisponde alla base del triangolo.

Se il triangolino lo voglio lasciare esternamente e visibile lo fermerò con delle cuciture mimetizzate o volutamente visibili nei pressi della punta del triangolo in corrispondenza con la cucitura laterale (X rossa nell’immagine qua sotto)

Eccole le altre puntate:
1 parte
2 parte
3 parte
4 parte

2 thoughts on “Borsa per fare la spesa: 2 puntata”

Rispondi