Il mio laboratorio…


Non ve le avevo più mostrate le foto del mio laboratorio praticamente finito.
Ho dovuto aspettare la nuova arrivata canon eos 600 d (popo di macchinona per scattare foto fighe in giro e delle mie cosette, in verità è dell’omo ma io ovviamente la uso per i miei scopi personali.) perchè il laboratorio ha una sola finestrella e la luce che ne viene fuori è assai triste e usare il flash le foto sono obbroviose e brutte.
Ovviamente ho approfittato di un momento di quasi perfetto ordine per scattare le foto, se doveste entrare ora trovereste un bel disordine perchè sono reduce da qualche giorno di intenso lavoro e di trasferte quindi butto tutto all’aria come capita senza rimettere a posto.
Si, lo so, non è sano alla salute nè all’estetica ma non ci posso fare nulla…il percorso è lungo e ci metterò ancora tanto prima di imparare come si fa.
Comunque, queste erano le primissime foto che scattavo con la macchina fotografica del mi omo, non so perchè la maggior parte storte e ho dovuto raddrizzarle con il programmino però nell’insieme è venuto molto bellino.

Intanto inizio con una visione da lontano cercando di descriverlo a grandi linee.
Se ben ricordate sto in mansarda, bellina bellina ma tetto basso e pochi muri, poco spazio quindi mi son dovuta arrangiare. Nel laboratorio solo due muri abili. Su uno ci ho messo mensole per stoffe e il mio bellissimo scaffalone da meccanico azzurro. Nell’angolo a seguire sotto la finestra per prendermi tutto il sole e luce possibile ci ho messo il piano di lavoro riutilizzando assi e pezzo di piano di lavoro della cucina della casa di Verona che avanzava, il tutto sorretto da squadrette e dalla cassettiera made in cassonetto. Sotto ci ho messo altre mensole per ampliare lo spazio. Sul muro non potevano mancare le mie mensole coi baratoli appesi che più sotto vedrete più da vicino

Qua il muro, si vede meglio un po’ tutto come ho disposto le cose, neo brutto sono le scatole marroni ma ancora non so come sistemarle. Tipo sarebbero carine quelle che si comprano ma mi sembra un po’ ridicolo comprare degli scatoloni

Angolo basso della stanza con i due lettini a mo di salotto che il più delle volte fanno da ripiano appoggia cose. Come vedete l’altezza del soffitto è proprio bassa e non posso fare proprio nulla in quel pezzo di stanza…apparte metterci i letti per ospitare le gggenti quando vengono

 

Lato muro alto…ovviamente con mensole, mobiletti e aggeggi contenitori tipo ikea
Più spesso il casino che l’ordine ma prima o poi riuscirò a trovare più spazio per tutto

 

Ed iniziamo con i particolari. Sotto a una delle mensole siccome dovevo trovare una soluzione per il mio rotolo di carta velina e dovevo anche sostenere una mensola ho deciso di usare questi supporti Ikea per fare entrambe le cose! i nastri là sono parcheggiati ed è una soluzione temporanea perchè poco pratica, ma il rotolo è super comodo

Ed ecco un po’ di barattoli!

E questi sono gli appesi! qua il tutorial

L’angolo cucito, tutti i fili con bobine piccole e grandi, forbici appese…tutto a portata di mano!

Per le spolette presto un tutorial su come l’ho fatto, per le forbici ho semplicemente messo i gancini a ? sul bordo della mensola!

Per tutti i miei rotoli di carta, feltro, metro da sarta, ecc… ho preso una di quelle scatole di ferro vecchie per bottiglie che son divise in scomparti e voilat!!

Tutto in ordine con i mille gancini… credo che sia l’unica zona che riesce sempre a restare ordinata…

Zona cartoleria… penne, matite, colori acrilici e ora anche i cd!

Che ve ne pare della zona ferri&uncinetti? ci ho messo anche tutti i marchingegni per lavorare i filati e i telaietti, se stanno tutti vicini vicini non fatico a ritrovarli

L’angolo fashion, le stoffe belle,, leopardate, pelose, stampate… i pannolenci colorati…

Ecco, questo è il mio laboratorio, che ve ne pare?

7 thoughts on “Il mio laboratorio…”

Rispondi