Palline riciclose in PVC


Ultimamente il mio fidanzato consuma un nuovo yogurt e in casa abbondano quei tappini trasparenti e sapendo che è una ottima plastica mi dispiace buttarla nel secchio delle plastiche. L’altro giorno mi è venuto in mente di provare a metterla sul fuoco per vedere cosa ci potevo fare ed ecco che con un po’ di manipolazione si è trasformata in una simpatica pallina di plastica un po’ bitorzoluta. Nel video mostro rapidamente come ho fatto.
Per bucarle ho usato un chiodo surriscaldato alla fiamma e una pinza per tenerlo. Penso che si possa usare anche il mini trapano non sentendo quello spiacevole puzzo di plastica bruciata.
Le palline non vengono tutte uguali, sia per forma che per colore. Se la prima non vi viene bella riprovateci, basta prenderci la mano!! e attenzione che se avvicinate troppo la plastica alla fiamma più che ammorbidirsi si scioglie e vi potete bruciare molto, quindi prima di toccare la plastica con le mani aspettare qualche secondo e toccare prima con la punta del dito.
Ecco come potrebbe venire una collana con queste palline riciclate!!niente male, no? le palline hanno dei tratti un po’ cangianti come la madre perla e con gli elementi in vetro stanno benissimo. purtroppo non mi sono impegnata molto con la foto…

Ecco il video!

9 thoughts on “Palline riciclose in PVC”

  1. Ma sei diabolica!! A me non sarebbe mai venuto in mente! Vengono molto bene e l’effetto è carinissimo se si alternano con altri tipi di perle! Grazie per il suggerimento e per il videotutorial!! Sei geniale!! Un abbraccio e apresto, Francesc-kinà

Rispondi