Perchè noi donne? perchè proprio lì?


Perchè noi donne? perchè proprio in quel posto?
non so se ve lo chiedete ma quando la professoressa di anatomia patologica ha spiegato la faccenda tutto era più chiaro.

Mi riferisco al fatto che noi donne siamo parecchio e di molto sensibili a andare incontro a lesioni pre-neoplastiche al collo dell’utero. In questo post trovate tutte le informazioni a riguardo.

Penso che prima serva un glossario:
Cervice: è la parte inferiore dell’utero (per i cenni anatomici un occhio qua), ha la forma di un cilindretto e la parte inferiore spunta in vagina. Ha un piccolo buchetto centrale che comunica con l’interno dell’utero, questo canale di connessione si chiama endocervice. Nella norma questo canale se ne resta praticamente chiuso e fa da tappo.
Epitelio: è il nome del tessuto della pelle e delle mucose, sta a indicare il “velo” che ricopre la ciccia. E’ formato da cellule, se le cellule cambiano cambia il tipo di pelle. Nella norma le cellule morte si staccano e vengono rimpiazzate dalle riserve che ci sono alla base dove sono “piantate”.
Di cellule ce ne sono di tutti i tipi, al momento ci interessano:
le cellule squamose: come dice il nome assomigliano a delle squame, queste si dispongono una sull’altra a formare una copertina che alla fine si chiama epitelio squamoso pluristratificato
le cellule cilindriche ghiandolari: sono a forma di cilindretti e la loro funzione è quella di produrre del muco che serve all’endocervice. queste cellule di solito si mettono una accanto all’altra e formano l’epitelio colonnare
Metaplasia: modificazioni reversibili che subiscono le cellule (quindi il tessuto) per rispondere a un danno esterno, fisico o chimico. Le nuove cellule sono in grado di rispondere meglio all’aggressione. Se il danno persiste la metaplasia può trasformarsi in neoplasia.

Nel disegno sotto si vede una cervice in 3 momenti diversi della sua vita. Le patacche sopra disegnate indicano i 3 tipi di tessuti che si alternano in queste fasi
*le patacche (sarebbero dei piccoli peperoni verdi) verdi rappresentano le cellule cilindriche
*i pallini blu rappresentano le cellule squamose
*i pallini rossi indicano una zona di transizione, cellule metaplastiche per la maggior parte

alla nascita le cellule cilindriche ghiandolari sono ben confinate dentro il canale cervicale, endocervice, e esternamente ci sono le cellule squamose

Crescendo le cellule cilindriche ghiandolari fuoriescono dal canale e sbucano in vagina prendendo il posto delle cellule squamose

Nella donna adulta c’è una nuova migrazione delle cellule ciclindriche colonnari verso l’interno (molto più marcata con la menopausa).
La zona che prima era occupata dalle cellule cilindriche mantiene il ricordo di tale passaggio e questo si verifica con il risultato della formazione di un nuovo tessuto metaplastico. Nè tessuto squamoso nè tessuto cilindrico. Questa è una condizione transitoria e fisiologica.

 La zona in questione viene definita di transizione o giunzione squamo colonnare.
Queste cellule metaplastiche però rispondono in maniera diversa all’aggressione di un virus.
Il virus entra nella cellula e cerca di prendere il comando, se le difese sono buone il virus perde, se le difese sono vacillanti il virus può avere la meglio.
I virus quindi riescono a invadere bene queste cellule metaplastiche.
Non tutte queste cellule si ammaleranno, molte si risveglieranno e riprenderanno il comando perchè in ballo ci sono un sacco di altri aiuti che ancora non si conoscono bene.
Alcuni studi addirittura hanno individuato la presenza di alcuni geni che rendono alcuni virus più cattivi e che forse non tutti i virus cattivi siano veramente cattivi. Non tutti i virus ad alto rischio sono ugualmente cattivi.
Le lesioni prenoplastiche (cellule infettate da virus) possono esser composte da cellule ghiandolari infette, cellule squamose infette o cellule metaplastiche infette. Queste cellule risponderanno in maniera diversa quindi per questo ci possono esser esiti e tempi diversi per la guarigione o per il peggioramento.

La cervice è unica per avere questo tipo di epitelio in continua trasformazione ed è per questo che le lesioni compaiono proprio là e che i maschi rarissimamente -e di solito da vecchi bacucchi- hanno questo tipo di lesioni.

Rispondi