Podaegi o podeagi?


Oggi vi regalo questo tutorial per fare un podaegi o podeagi, non ho ancora capito quale sia il nome giusto e online si trovano entrambi i nomi.
Comunque… questo è un supporto per portare i bambini coreano, realizzato con un pannello di stoffa e due fasce lunghe e strette che servono poi per fare le legature.

Mi sono inspirata a più tutorial e poi capite le misure son andata in laboratorio e via!
Ecco qualche altro tutorial da poter sbirciare
Baby carrier tutorial a Podaegi di Sew She Sews
Tutorial: come realizzare un portabebè coreano di La casa nella Prateria
Melanie’s Podaegi baby carrier di The Wahm Mall
Korean Podeagi di Jan Andrea
Reversible Wrap Pod o Mei Pod di Its not spaghetti

Cosa serve
– due pannelli di stoffa di circa 50/52 cm per 60/70 cm
– due fasce lunghe 2 metri (per alcune legature però è più comodo se le fasce sono lunghe 2,5 mt e larghe almeno 20 cm (ho visto che se potrebbero essere larghe anche 30 cm e risultare poi molto comode per sostenere il bambino)
– due rettangoli di stoffa di 50/52 cm per la parte superiore. Nel primo prototipo ho inserito anche dentro un rettangolo di pannolenci per dare un po’ una imbottitura ma sto valutando se sia effettivamente utile

Per prima cosa ho cucito il bordo alle fasce lunghe, come al solito io non mi servo di imbastitura e se la stoffa è buona si riesce facilmente a piegarla mentre si cuce.
La stoffa deve essere preferibilmente di cotone o lino, questo perchè se ha una buona tessitura si adatterà bene a fasciare il bambino e a mantenere il nodo. Stoffe troppo lisce tipo le sintetiche non reggono bene i nodi, quelle elastiche cedono sotto il peso dei bambini

Poi ho preparato il resto. Sovrapposto i due pannelli grandi (diritto contro diritto) e cucirli su 3 lati, il 4 lato -uno di quelli larghi 50 cm- resterà senza cucitura per poter ribaltarlo in seguito. Dopo le 3 cuciture l’ho ribaltato, l’ho stirato e ho rifinito i bordi con una cucitura.

Ho preparato le fasce facendoli delle pieghe per ridurre la loro larghezza. Ho appuntato con gli spilli e mi son messa a preparare il resto del bordo o il sopra… non so bene come chiamarlo

Inizialmente ho cucito nel verso sbagliato le fasce lunghe, quindi ho dovuto scucire tutto. Classico errore da distrazione. Ho lasciato che spuntassero circa 5 cm o anche più di fascia così che dopo con le cuciture ribattute o le ulteriori che ho fatto per fissare bene il tutto, le fasce fossero fissate da almeno 2 o più cuciture. Ah, le ho fissate sul lato da 10 cm!

Cucita su 3 lati, libero quello da 50 cm, ho stirato e ho iniziato a sistemare il pannello dentro la mia pettorina. Aiutandomi con ferro da stiro e spilli ho sistemato il tutto affinchè poi le cuciture anteriori e posteriori coincidessero.
Ho iniziato a cucire la cucitura più esterna e poi via via ho fatto 3 giri con andamento a spirale e a circa mezzo cm tra una cucitura e l’altra.

Ed ecco il mio poedagi finito. Ha i pannelli con due stoffe diverse così può essere usato in base ai gusti e preferenze del giorno
Il prossimo lo farò con le fasce più larghe e il prossimo ancora con il pannello largo il doppio come questo qua 

Presto pubblicherò delle foto con il podaegi indossato da una mamma con pargolo, Gino è troppo piccolo per fare esperimenti e prove

Rispondi