Come scegliere un BUON lubrificante


Non tutti i lubrificanti sono equiparabili e non tutti sono adatti per tutto, e trovare un buon lubrificante che piaccia e di cui si sia soddisfatti può essere una impresa si facile ma anche difficile.

Ormai ce ne sono tanti nelle farmacie, nei sexyshop, nei negozi dedicati alla salute femminile che è facile perdersi. Cercate di capire cosa vi serve e poi leggete le descrizioni dei prodotti e magari cercate online le recensioni di altri utenti, così da capire quale sia migliore per voi, considerando che a volte ci potranno volere più acquisti per trovare quello giusto!

Ecco qualche suggerimento per comprendere meglio come sceglierli!

• Scopo: per cosa si vuole il lubrificante?

E’ previsto l’uso con il lattice dei preservativi o del diaframma? Si vogliono usare dei sextoys?
meglio usare quelli dove nella confezione è ben indicata la compatibilità e non usare nessun olio naturale (olio di mandorle, oliva, etc) o minerale (vasellina o olio johnson’s) che rompono i preservativi e danneggiano il silicone e le altre gomme e plastiche.
Si vuole qualcosa di più duraturo per il sesso anale? O trovare un lubrificante più denso? Ci sono in commercio lubrificanti pensati a posta per le penetrazioni anali, alcuni abase di silicone e quindi è da evitare l’uso in concomitanza con i sextoys. Prova liquido seta o qualsiasi lubrificante al silicone, o quelli in pasta.
Si vuole per il sesso orale -o questo è incluso nei giochi? Evitare i lubrificanti non edibili/commestibili.
Se si cercano con particolari proprietà, come effetto caldo/freddo, gel o creme stimolanti di vario tipo, quelli fanno parte di un’altra categoria e possono rallegrare molto i giochi, sia da soli che in compagnia!

• Sensibilità.

Hai la pelle sensibile o facilmente irritabile? Verificare che il lubrificante non contenga metile o propile o parabeni. Se sai già che alcuni detergenti intimi ti causano prurito vai a leggere tutti gli ingredienti e controlla se qualcuno di questi è presente nel lubrificante che vuoi prendere! Se dopo il primo utilizzo senti anche solo un poco di bruciore, è meglio cambiare lubrificante.
Sei inclini a infezioni da lieviti? Si consiglia di evitare di lubrificanti contenenti glicerina o zuccheri aggiunti. A volte usano la stevia e questa non dovrebbe influenzare i picchi di zucchero, ma ha un retrogusto di liquirizia e può non piacere.
Usa il sito di saicosatispalmi.org per conoscere meglio gli ingredienti e cosa potrebbe darti fastidio.

• Gusto.

Vuoi un lubrificante senza sapore o aromatizzati? In commercio ormai ce ne sono per tutti i gusti, alcuni li scelgono per tamponare l’odore del sesso del partner quando è molto pungente. Evitare di lubrificanti non edibili per il sesso orale, è scritto sulla confezione! A molti invece i sapori non piacciono e preferiscono che siano completamente insapori, appena ne troverò uno ve lo farò sapere! o sanno di chimico, o sanno di stevia o sanno di profumini sintetici.

• Struttura.

Comprendere se si preferisce un lubrificante più “liscio” o più denso/appiccicoso. Se si è alla ricerca di un lubrificante cremoso e setoso si possono provare i lubrificanti provare lubrificanti “silk” o silicone liquido. Quelli a base di acqua possono essere talvolta un po’ pastosi soprattutto quando l’acqua contenuta inizia ad evaporare. Basta aggiungere un po’ di acqua o saliva e il lubrificante riprende la sua densità iniziale e torna a scorrere bene.

• Compatibilità.

Non combinare un lubrificante silicone (o olio) con un giocattolo in silicone.
Lubrificanti oleosi NON vanno d’accordo con i giochi di gomma/plastica/legno/silicone e preservativi. Si corre il rischio che i giochi siano da buttare dopo poco tempo, inizino a rilasciare sostanze irritanti soprattutto se erano di bassa qualità, perdano le vernici protettive se erano di legno, o che i preservativi si rompano o abbiano micro buchi da dove passano gli spermatozoi (il rischio di una gravidanza o di una malattia venerea non è molto allettante!)

In linea di massima gli oli, anche se vegetali, andrebbero evitati perchè tendono a creare una barriera sulla pelle e sulle mucose, e anche se la vagina produce secrezioni per ripulirsi, non sono in grado di eliminare rapidamente le tracce di olio. Pensate a quando cucinate e magari vi si sporcano le mani con l’olio di oliva, quanto sapone dovete usare per togliere ogni traccia di unto?
Uno studio sull’olio di cocco usato per massaggiare i neonati nati fortemente pretermine, ha dimostrato come questo olio sia molto utile per ridurre la perdita d’acqua corporea per evaporazione, quindi vada proprio a creare una barriera sulla pelle!

Non vuoi andare in farmacia a scoprire quali marche hanno? ecco una lista di negozi online dove puoi trovarne di diverse marche!

Ps: kondom.it è il più fornito (e puoi anche usare il mio personale codice sconto VIOLEK10 per spendere il 10% in meno)

Rispondi